Museo del Confetto “Giovanni Mucci”

logo_mucci

Via Museo del Confetto, 12
70031 Andria (BA)

Tel. 0883 591871

http://www.museodelconfetto.it info@museodelconfetto.it

Apertura al pubblico
Da lunedì a sabato ore 08.30-13.00 / 17.00-21.00
Domenica ore 10.00-13.00 (esclusi i mesi di giugno, luglio e agosto)

Ingresso
A pagamento

Visite guidate
Su richiesta anche in lingua inglese

Servizi aggiuntivi
Shop aziendale con vendita di prodotti esclusivamente della Mucci Giovanni

Come arrivare
Autostrada A14 BO-TA direzione sud/nord uscita Andria-Barletta, o dalle principali vie di accesso al centro storico città, seguire la segnaletica stradale “Museo del Confetto”.

Informazioni


Dolciario

Loredana Mucci

Arch. Francesco Nicolamarino

Mucci Giovanni

2005

140 mq

1894

News

Storia, qualità, bontà, tradizione, innovazione… Le essenze della straordinaria esperienza imprenditoriale della premiata fabbrica di confetti Mucci Giovanni nella generosa terra di Puglia.

Descrizione

Tutto ha inizio nel lontano 1894, anno in cui il giovane intraprendente Nicola Mucci, ereditando la profonda passione trasmessagli dal papà Raffaele, realizza il suo sogno, aprendo il primo laboratorio per la produzione di confetti, cioccolato e caramelle, nel cuore del borgo antico della città di Andria.
La Famiglia Mucci, dopo 120 anni, è ancora direttamente impegnata nel garantire ai propri confetti qualità e gusto incomparabili. Là dove tutto è iniziato, oggi, sorge il Museo del Confetto, istituito nel 2005 e fortemente voluto dagli attuali eredi, che hanno inteso onorare e perpetuare nel tempo un patrimonio di bontà e memoria.
Nel gennaio 2011 con decreto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali è stato dichiarato bene di interesse culturale particolarmente importante.

Attività

Perfetto scrigno, il Museo del Confetto racchiude tutta la passione, l’attenzione, la cura, la competenza, l’amore per il proprio lavoro e per le proprie origini, per assumere il ruolo di “comunicatore” e strumento educativo dove sia possibile apprendere, essere incuriositi e stimolati alla ricerca e alla comprensione della cultura del confetto, della sua simbologia, delle sue curiosità e delle tecniche di lavorazione.
Accoglie numerose scolaresche e turisti provenienti da ogni dove. Le visite al Museo sono guidate e accompagnate dalla degustazione di alcune specialità tra cui i famosi Tenerelli (ricetta segreta della Famiglia Mucci).
Il Museo partecipa a iniziative tese a promuovere il brand dell’azienda Mucci Giovanni, il territorio e collabora con istituzioni culturali, sia italiane sia straniere.

Collezione

Negli ambienti delle varie sale del Museo, unico nel meridione d’Italia, sono descritte le produzioni del confetto, del cioccolato e della caramella, attraverso utensili e stampi di ogni tipo, preziosi documenti e, soprattutto, antichi macchinari di un’ archeologia industriale praticamente scomparsa.
In un’ apposita sala il visitatore potrà, anche, visionare un filmato sui momenti salienti della lavorazione del confetto.
La collezione MUCCI, ha dotato il MUSEO di alcuni importanti ed antichi macchinari e precisamente:
“BRANLANTE” (fine Ottocento) sorta di grande bacinella in rame per la lavorazione a mano dei confetti;
“PELAMANDORLE” (1920 circa);
“BASSINE CONFETTATRICE A VAPORE” (primi Novecento) a trazione meccanica;
“MELANGEUR” (1915 circa) impastatrice per cioccolato;
“MODELLATRICE PER GIANDUIOTTI” (1920 circa);
“VACUUM” (primi Novecento) macchinario per la cottura dello zucchero sotto vuoto, utilizzato per produrre caramelle;
“MOLINO PER ZUCCHERO A VELO” (1920 circa).

Bibliografia

AA. VV. a cura della Federazione Nazionale Fascista dell’Industria Dolciaria, Il Cioccolato ed il suo valore alimentare, Editore Stabilimento Grafico Foa’, 1933.
V. KEMENY, Fabbricazione del Cacao, Cioccolato e delle Caramelle, Editore Ulrico Hoepli Milano, 1949.
RICCARDO COTUGNO, a S.Antuun masche i suun, in L’IDEA DI ANDRIA ( di Deodato e Michele Morgigni), 14 febbraio 1956, pag. 3.
MARIO ESPOSITO, I Confetti nella Storia, nella Letteratura e nel Folklore, Editrice La Città, 1990.
RICCARDO LOCONTE, Andria la mia città, Tipografia Del Zio, 1992, pp. 349 – 352.
ANTONIA MUSAICO GUGLIELMI, 1° centenario dell’antica fabbrica di confetti Giovanni Mucci di Andria, Editore Grafischena Srl, 1994.
JOSEF A. MERL + K.-W. STOCK, Silesia Confiserie Manual No. 4, 1996.
LORY PESCE BUONAMICO, 50 Pugliesi nel mondo, Adda Editore, 2004, pp. 81 – 82.
AA.VV. Bari Economica 3, Edizione Unione Tipografica-Bari, 2009, pp. 53 – 57.
ENZO COLAVOLPE, La forza dell’unità, Grafica Metelliana Edizioni, 2011, pp. 148 – 149.
THOMAS QUINTAVALLE, Le mani della tradizione, Editore Sat Pesaro, 2014.
ANTONIO MONTE, Storia e patrimonio industriale a Tuglie: le fabbriche di olio, vino e spirito tra età moderna e contemporanea, Editore Lettere animate, 2014, pag. 84.
ALBERTO BASSI, food design in italia, Editore Electaarchitettura, 2015.