Museo della Carta di Pescia e Archivio Storico...

logo_ Museo tasparente

Apertura al pubblico
Su appuntamento

Ingresso
a pagamento

Visite guidate
visite guidate e laboratori didattici al museo e all’archivio su prenotazione anche in più lingue

Servizi aggiuntivi
sale per attività didattiche e sale eventi su prenotazione

Come arrivare
Il Museo è a 20 minuti dall'uscita dell'Autostrada di Chiesina Uzzanese, a 35 minuti da Lucca e ad 1 ora da Pisa.

Informazioni


produzione della carta

Dott. Massimiliano Bini

arch. Pietro Carlo Pellegrini

Enrico Magnani Pescia

1996

1000 mq

2018

Il Museo della Carta di Pescia ha la sua nuova sede alla Cartiera Le Carte, un’opificio in parte restaurato, che conserva al suo interno gli antichi impianti originali dell’700 e ‘800 che raccontano la storia della carta a mano e della famiglia Magnani, attraverso il patrimonio documentale conservato nell’Archivio Storico Magnani: dalla preziosa collezione di forme filigranate di Napoleone e Maria Luisa d’Austria, alla carta da lettere fornita al maestro Puccini o al poeta D’Annunzio.

Descrizione

Il Museo della Carta di Pescia nasce con l'intento di preservare e tramandare l’antica arte della “carta a mano” tipica del suo territorio, promuovendo la cultura dell'Artigianato, come uno dei suoi valori fondanti. Il Museo a tal fine si è impegno a sostenere la creazione dell'Impresa Sociale Magnani, che dal 2018 produce carta fatta a mano, utilizzando lo storico marchio “Enrico Magnani Pescia”, di cui il Museo ne è proprietario e garante. A sostegno dell'Impresa Sociale vi è anche l'Archivio Storico Magnani, istituito per conservare i numerosi documenti storici dell'attività economica delle Cartiere Magnani e rappresenta un prezioso strumento per diffondere le conoscenze dei mastri cartai e ricostruire legami storici con gran parte dell’industria italiana ed estera del XVIII secolo.

Attività

ll Museo della Carta oggi ha sviluppato competenze e professionalità che gli permettono di offrire dei servizi culturali, quali laboratori, dimostrazioni e visite guidate da effettuare, anche in più lingue, per gruppi di adulti, famiglie e scuole. Le nostre proposte offrono sia delle visite guidate al museo con la possibilità di osservare dal vivo la creazione di un foglio di carta fatto a mano, sia l'esperienza diretta di realizzazione del proprio manufatto artigianale, grazie all'aiuto di un vero e proprio mastro cartaio, che racconterà la storia, le curiosità e i segreti che si nascondono dietro alla creazione della “buona carta fatta a mano”. Il Museo con le sue attuali due sedi è in grado di ospitare piccoli eventi con due sale meeting.

Collezione

Il Museo della Carta oltre l’opificio Le Carte ed i suoi preziosi ambienti ed impianti originali conserva oltre 700 metri lineari di documenti (Archivio Storico Magnani) e circa 6000 oggetti costituiti da forme filigranate, cere da filigrana, punzoni, timbri e teli filigranati

Bibliografia

C. Magnani, Antiche cartiere toscane, «Pistoia», 1, 1964, pp. 21-32; Cartiere toscane, Pescia, Benedetti 1960.
Consiglio nazionale delle Ricerche, Sovrintendenza Archivistica per la Toscana, Archivi di imprese industriali in Toscana, Firenze, All’insegna del Giglio, 1982, p. 103.
R. Sabbatini, La produzione della carta dal XIII al XVI secolo: strutture, tecniche, maestri cartai, in Centro italiano di studi di storia e d’arte, Tecnica e società nell’Italia dei secoli XIII-XVI, Pistoia, 1987, pp. 37-57.
C. Cresti (a cura di), Itinerario museale della carta in Val di Pescia, Siena, Piericcioli 1988
R. Sabbatini, Di bianco lin candida prole: la manifattura della carta in età moderna e il caso toscano, Milano, Franco Angeli 1990.
D. Babalis, L’industria cartaria nella valle del Pescia nel XIX secolo. Il caso della cartiera «Cerreto», «Farestoria», 23, 1994, pp. 4-20; La vecchia cartiera di Cerreto in Val di Pescia: testimone di un modello produttivo, «Il coltello di Delfo», 31, 1994, pp.48-53.
Associazione di studi Sismondiani, Pescia e la Valdinievole. La costruzione di un’identità territoriale, Firenze, Polistampa 2006.
AA. VV., Dalla Valleriana alla Svizzera Pesciatina, Pisa, Pacini 2012.
G. Guanci, Guida all’archeologia industriale della Toscana, Campi Bisenzio, NTE 2012, p. 260-262, 266, 269, 272-273.